ARBATAX - GAIRO | Trenino Verde, Arte e Vino - SARDEGNA in TRENINO VERDE | Viaggi 2022

Vai ai contenuti
Trenino Verde, Arte e Vino
in Trenino Verde da Arbatax a Gairo taquisara
La tratta Arbatax – GairoTaquisara e l’Ogliastra pedemontana, tra vigne di cannonau, arte moderna e paesi fantasma. Luoghi unici e famosi, ma sempre genuini.
Una giornata articolata, che scorre via leggera e regala tanti spunti e tanti bei ricordi. Viaggerete a bordo delle carrozze passeggeri V2D del 1956, trainate dal locomotore diesel del 1956, ristrutturati e restituiti agli antichi fasti. Incontrerete la Guida a voi dedicata, direttamente davanti al Trenino Verde in sosta sul binario della Stazioncina. Attraverserete i pianeggianti territori di Tortolì, antico capoluogo del Marchesato di Quirra. Giunti alla Stazione di Elini, la breve sosta vi consentirà di scoprirne alcuni segreti o, volendo, di fare una colazione al bar. Entro le 10:40, giungeremo in treno a Lanusei. Qui lasceremo andar via il Trenino Verde, per ritrovarlo al capolinea, ad attenderci nel pomeriggio. Dopo che avremo scoperto e degustato l’Ogliastra pedemontana, andremo a riprenderlo nel canyon che ospita Gairo Taquisara, per farci riportare a valle, percorrendo l’intera linea.

A Lanusei cammineremo attraverso le viuzze del più importante paese di queste montagne, del suo centro storico in pietra, adornato da alcuni splendidi murales. La vista panoramica sulla vallata degradante sino al mare, degustando un delizioso gelato artigianale (incluso), sarà ancora più piacevole. Vogliamo farvi scoprire luoghi imperdibili e non solo lungo linea. Il nostro pullman ci permetterà una panoramica di circa 30 minuti tra le coltivazioni ogliastrine. Attraverso vallate anticamente terrazzate per ospitare oliveti e vigne, grano e frutteti, giungeremo alla sosta per l’approfondimento enogastronomico. Saremo a Jerzu, regno del Cannonau, principe di tutti i vitigni sardi, certamente il più noto nel mondo. La piccola cantina a conduzione familiare, è fuori dal paese. Ci accoglie con la sua autentica tradizione e competenza, con la visita agli ambienti di produzione e conservazione del vino, realizzati dentro la vigna, che degrada attorno ad essi, panoramica sulle vallate circostanti. La visita al vigneto ci permetterà di apprezzare “dettagli che sono sostanza”, per ottenere dalla natura tutto ciò che ci delizierà durante la degustazione (+/- 12:30), un mix di prodotti tipici accompagnati da quattro differenti vini di loro produzione. Insomma, dopo tanta teoria anche un po' di pratica!

Dopo pranzo, avremo un breve tratto in pullman, per raggiungere il Trenino Verde che ci attende al capolinea. Ma prima, faremo ancora due tappe imperdibili, nella esplorazione ogliastrina. Ancora vigneti su cui discutere di coltivazione e produzione, per giungere alla “Stazione dell’Arte” (Ulassai). Questo celebre museo d’arte contemporanea è dedicato all’opera dell’ogliastrina Maria Lai ed ospitato proprio nei locali dell’ex stazione ferroviaria, non più raggiunta dalla ferrovia e posta a valle del paese. Oltre alle esposizioni esterne, sul prato verde e panoramico, potrete chiedere di effettuare una breve (il treno ci attende!) visita delle esposizioni custodite all’interno dei due fabbricati (facoltativo, con acquisto ticket in loco). Ripartiti in pullman, pochissimo dopo faremo tappa al “paese fantasma” di Osini “Vecchio”, via via abbandonato dopo l’alluvione del 1951, come il vicino Gairo “Vecchio”. Paesi centenari che, al mutare delle condizioni meteorologiche, si scoprirono “fragili pagliuzze” sopra grandi frane in movimento.

Pochi tornanti in salita ed eccoci (+/-15:30) nella vallata calcarea di Gairo Taquisara. Una breve passeggiata per giungere al Trenino, ci farà ammirare questa singolare frazione montana, in un contesto selvaggio, ricco di grotte e sorgenti carsiche. Tutto il rientro sarà a bordo del Trenino Verde, per percorrere l’intera tratta (Gairo T.- Arbatax), recuperando quella lasciata la mattina e rivedere quella già percorsa, ma con diverse luci e la prospettiva del mare sul fondo dell’orizzonte. Partiti alle 16:15, in 40 minuti avremo percorso i binari dell’alta Ogliastra, tra tacchi e tonneri calcarei, strapiombanti ai nostri lati. Ecco che sul pianoro sbuca la Stazione “Villagrande”, con il Gennargentu sullo sfondo ed il Lago Bau Muggeris (Alto Flumendosa) ai piedi, attorniata dai caratteristici allevamenti bradi. Attraverseremo il Bosco Selene e saremo nuovamente a Lanusei, con una vista inimmaginabile sulla sottostante regione ogliastrina, magica terra. Qui faremo una breve sosta (+/- 15 minuti) per una passeggiata o uno snack al bar.
Si riparte in relax, con l’arrivo a Elini previsto per le ore 18:00, ed ancora a Tortolì alle 19:15, ad Arbatax alle 19:45, attraversando, con una luce diversa, con il mare via via sempre più presente in fondo alle vallate.


PROSSIME PARTENZE
scegli tra le date disponibili e prenota subito la tua esperienza in Trenino Verde
TRENINOLANUSEI.jpeg
Sui Binari delle Tradizioni d
Sui Binari delle tradizioni d
DSC04294-2 (Grande).jpg
slide-11.jpg
Sui Binari delle Tradizioni d
DSC04389-2 (Grande).jpg
Locandina-Arbatax-Gairo-Cultura-2022---travelling-.jpg
TRAVELLING SARDINIA S.r.l.
Viale Sant'Avendrace 289 Cagliari (CA)
email: info@sardegnatreninoverde.com
tel.: (+39) 3384592082

Iscrizione Registro Regionale AdV n. 476
P.IVA 04006800926
Torna ai contenuti